Image Alt

Stefano Santandrea Sindaco

Hospice di Portogruaro, partita chiusa: una delibera di Bramezza pone fine alla sua riapertura

Un’indagine di mercato per trovare una collocazione per il nuovo servizio di Hospice del Veneto orientale, per 12 posti totali, è stata deliberata dal Direttore Generale dell’ULSS 4, Bramezza, che mette così fine alla riapertura del servizio di Hospice di Portogruaro, chiuso da mesi.

Il gruppo Civici e Democratici presenta un’interrogazione al Sindaco Favero, che nelle linee programmatiche si è impegnato a mantenere il servizio di Hospice a Portogruaro. Un impegno che negli atti della Regione Veneto e dell’ULSS 4 viene completamente disatteso.

Nella delibera di Bramezza sull’indagine di mercato per individuare l’area dove realizzare il nuovo hospice è scritto a chiare lettere che la sua collocazione, finalizzata a servire tutto il territorio del Veneto Orientale, deve però risultare baricentrica rispetto alla distribuzione della popolazione residente. Tradotto, significa che essendo più popolata l’area del sandonatese, il baricentro tenderà a essere lì collocato.

Leggendo la delibera, inoltre, pare che l’area che si sta ricercando sembri già individuata, considerato che il terreno dovrà essere di 7000 mq di cui 1900 per l’edificio e 1500 per parcheggi e viabilità e il resto sarà destinata ad area verde. L’investimento previsto è di 1.560.000 euro al netto degli oneri fiscali e l’incarico per la redazione del progetto di fattibilità è già stato affidato il 3 novembre scorso.

“In campagna elettorale, dopo che il centro sinistra aveva reso nota la delibera della giunta regionale del 28 luglio 2020 che riguardava la riduzione dei posti letto per gli hospice di San Donà di Piave e Portogruaro da destinare ad un’unica struttura da definire, la Lega e l’allora candidato sindaco Favero avevano affermato che erano tutte invenzioni. L’assessore alla Sanità della regione, Lanzarin, aveva affermato che l’hospice di Portogruaro non sarebbe stato chiuso. L’allora vicepresidente Forcolin confermava, invece, che sarebbe stata creata una nuova struttura per tutto il Veneto orientale tra Ceggia e San Stino di Livenza. Ricordiamo che la delibera regionale prevede che entro il 2022 i posti letto dell’Hospice nel Veneto orientale saranno ridotti da 17 a 12 per coprire entrambe le strutture del Veneto orientale (complessivamente i posti letto sono 17, 9 a San Donà di Piave e 8 a Portogruaro). Una perdita, quindi, di 5 posti letto che saranno collocati in questa nuova struttura da individuare. Inoltre ci chiediamo se non sia uno spreco di risorse pubbliche che potevano essere risparmiate riqualificando edifici esistenti, anche in un’ottica di rigenerazione urbana e di salvaguardia ambientale.

Considerato che l’iter di questa nuova struttura è cominciato da tempo: ci chiediamo come mai il sindaco non abbia in consiglio comunale, presentando le sue linee di indirizzo, fatto presente al consiglio comunale questa triste novità. 

Ora chiediamo una presa di posizione chiara ed inequivocabile del sindaco e dell’intera maggioranza a difesa del nostro Hospsice.

Nell’interrogazione il gruppo chiede:

  • Se questa nuova struttura rientra in qualche programmazione sanitaria
  • Quali sono i motivi che portano a scegliere, dopo anni di servizio ottimale attestati da tante dichiarazioni, di non usufruire di spazi all’interno di residenze per anziani già esistenti
  • Se era necessaria una nuova struttura e non, invece, riconvertire immobili pubblici dismessi
  • Se i 12 posti letto sono sufficienti per l’intera area del Veneto Orientale, dove sono finite le promesse fatte per il mantenimento dell’Hospice di Portogruaro
  • Se prima di fare un’indagine di mercato per i terreni, sono stati sentiti i sindaci dei comuni per verificare la disponibilità di aree pubbliche
  • Se il Comune di Portogruaro è stato interpellato e ha individuato delle aree disponibili
  • Se il Sindaco è informato di tali delibere e se si è già fatto parte attiva per difendere il servizio di Hospice a 

Gruppo “Civici e democratici” – Interrogazione Hospice Portogruaro 22.12.2020

close

Iscriviti alla newsletter

Effettua una donazione

Credo fermamente che possiamo cambiare il nostro futuro a partire da noi, cominciando a capire che le nostre azioni determinano la vita della società in cui viviamo.

Dona ora

Effettua una donazione tramite bonifico bancario e partecipa anche tu alla nostra campagna.

IBAN IT15 Q 08904 36240 049000000654

La tua donazione DEVE:
avere questa causale obbligatoria: 
Contributo per la campagna elettorale del candidato Sindaco Santandrea Stefano 
indicare questo beneficiario: 
Dreon Stefania – Mandatario elettorale del candidato Sindaco  Santandrea Stefano
indicare la banca del beneficiario: 
Banca Prealpi SanBiagio Credito Cooperativo – Filiale di Portogruaro – Via Francesco Baracca 1 – 30026 Portogruaro (VE)

Puoi donare tramite:
bonifico online
bonifico bancario in contanti presso la banca del beneficiario
bonifico bancario presso uno sportello diverso dalla banca del beneficiario
contributi consegnati direttamente al mandatario

Per tutte le istruzioni consulta il link

Grazie!

Stefano Santandrea
Seguimi: